LO SPORT: TERRENO CHE VALORIZZA LE DIVERSITÀ

sport e disabili

La conferenza stampa tenutasi lo scorso 4 febbraio presso il Salone d’Onore del CONI – Foro Italico è stata un’occasione per affrontare il tema dell’integrazione all’interno dello sport e per presentare il Manifesto Sport-Integrazione, frutto dell’Accordo di Programma fra Coni e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Al tavolo dei relatori erano presenti, tra gli altri, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, il Presidente del CONI Giovanni Malagò, il Direttore Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Natale Forlani, la Responsabile Strategia e Responsabilità Sociale CONI Servizi SpA Teresa Zompetti e il membro del Comitato Scientifico Diana Bianchedi.
Lo sport rappresenta un elemento fondamentale sul piano emotivo e sociale, un ambiente multidimensionale, dinamico, ludico, adatto ad intensificare la coscienza di sé e del proprio corpo, è uno strumento educativo e formativo e spesso è anticipatore dei mutamenti sociali. Lo sport abbina l’attività fisica con quella ricreativa, favorisce la salute, la longevità, il benessere fisico e psicologico. Come sottolineato dal Consiglio dell’Unione Europea, lo sport è fonte e motore di inclusione sociale e viene riconosciuto come uno strumento eccellente per l’integrazione delle minoranze e dei gruppi a rischio di emarginazione sociale.

L’obiettivo del Manifesto Sport-Integrazione è, infatti, proprio quello di promuovere, attraverso lo sport, l’inclusione e l’integrazione dei migranti di prima e seconda generazione sul territorio italiano e di contrastare la discriminazione raziale e l’intolleranza valorizzando la diversità come risorsa.
I principi del Manifesto sono stati veicolati attraverso una serie di iniziative come il Workshop di Sport e Integrazione, la Giornata dello Sport e Integrazione e un’ampia Campagna informativa e di sensibilizzazione nell’ambito di eventi sportivi a livello nazionale e territoriale e soprattutto grazie ad un’intensa cooperazione istituzionale, sia con il mondo scolastico, sia con il mondo sportivo.
La conferenza ha affrontato approfonditamente il tema della cittadinanza sportiva: primo passo di cambiamento per una completa integrazione sociale.
Per determinare un cambiamento culturale – interviene Teresa Zompetti, Responsabile Strategia e Responsabilità Sociale CONI Servizi SpA – occorre sviluppare un percorso che parta dai princìpi del manifesto redatto l’anno scorso, che si fonda sul principio della cittadinanza sportiva. Occorre rimuovere i fattori di differenziazione tra i giovani italiani e stranieri, favorire la campagna educativa rivolta alle scuole primarie e raccogliere le esperienze dei vari organismi sul tema integrazione e sport”.

 

C’è bisogno di forti “marcatori” per segnare il passato e dare una svolta al presente: l’integrazione è l’obiettivo, lo sport è il veicolo. Lo sport è, infatti, un veicolo privilegiato nell’integrazione perché assegna a ciascuno un ruolo preciso in un contesto collettivo, di squadra e riesce ad abbattere le barriere e i muri che si creano all’esterno, perché nello sport si è tutti uguali.
Aspettando, così, che il “marcatore” faccia “Goal” per garantire non solo una cittadinanza sportiva ma un’integrazione a 360°.
“Lo sport ha il potere di cambiare il mondo
N. Mandela

 

www.disabili.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Latest Stories

Search stories by typing keyword and hit enter to begin searching.