Puoi accompagnare la lettura con un sottofondo adatto

Sarà che studiare filosofia fa scoppiare il cervello ti permette di avere una visuale più ampia della realtà, o sarà che sto semplicemente invecchiando, ma confesso che da qualche tempo sto iniziando a guardare con speranza verso le nuove generazioni e al mondo di cui mi pare di intravedere l’alba. Ora vi prego, non pretendetemi subito per pazzo, lasciatemi spiegare.

So che, ultimamente, guardare al futuro con speranza sia un po’ fuori moda; siamo attorniati da voci che continuamente cercano di ribadire quanto belli fossero i tempi passati e di quanto invece, al giorno d’oggi, tutto stia andando inesorabilmente a rotoli. Per non parlare poi dell’ambito cattolico, in cui sembrano trovare spazio solo quelle opinioni nostalgiche – grazie al Cielo non esistono però solo queste – di un tempo in cui, a detta di certe persone, i cristiani erano veri cristiani, i preti veri preti e la società rispettosa dei valori morali cattolici; ore, invece, sembrerebbe che siamo piazzati peggio di Sodoma e Gomorra. Mah, sarà…

Certo, non possiamo nasconderci dietro un dito. La nostra civiltà occidentale – che comunque, mettiamocelo bene in testa, non è tutto il mondo – si trova in grosse difficoltà con cui, in un modo o nell’altro, dobbiamo fare i conti. Le utopie e le ideologie che hanno guidato l’occidente sono crollate sotto il loro stesso peso: la politica non ha creato la società perfetta, la scienza non ha dato tutte le risposte agli interrogativi dell’uomo, la tecnologia non ci ha resi dei semidei, i diritti che ci sembrava di aver ormai definitivamente ottenuto sembrano sempre più precari, le relazioni si fanno sempre più fumose e inconsistenti, la realtà diventa sempre meno distinguibile dalla finzione, mentre ci sembra di avere il mondo a portata di mano contemporaneamente temiamo che il mondo ci spii nella nostra intimità… Eppure… Chiamatemi folle… Ma a me sembra che ci sia molto altro.

Tra le macerie degli idoli innalzati all’arroganza di una Ragione che pretendeva di spiegare tutto, mi sembra di intravedere i segnali di una sete di senso che vada oltre alla ristrettezza della nostra mente; tra le ceneri rimaste dopo gli incedi causati dalle illusioni dell’autodeterminazione e dell’individualismo, mi sembra di notare i semi di una generazione che vuole creare e vivere comunità fraterne.

Forse, sono solo un illuso – più probabilmente, un inguaribile romantico – ma non posso fare a meno di pensare che la Provvidenza, dopo averci lasciato sbattere il naso contro il muro delle nostre illusioni, ci stia davvero guidando verso un mondo più giusto e più umano e che la sete di verità, di senso, di giustizia e di Amore, che vedo brillare negli occhi di tanti giovani – pur essendo, a volte, incapace di esprimersi e trovare spazio in questo mondo soffocante – non sia solo un riflesso e un rimpianto per qualcosa di perduto.

Vi prego, non smettiamo di combattere per tutto questo! Non lasciamoci rubare la speranza! Siamone certi, se combatteremo lasciandoci toccare il cuore dall’Amore che tutto rinnova, vedremo l’inizio di un mondo nuovo. E canteremo insieme la meravigliosa invocazione di don Orione:

L’avvenire è di Cristo!

T’avanza, t’avanza, o divino Risorto!

La barca di questo povero mondo

fa acqua da tutte le parti,

senza di Te va a fondo:

vieni, o Signore, vieni!

Risuscita in tutti i cuori, in tutte le famiglie:

su tutte le lande della terra,

o Cristo Gesù, risorgi e risorgi!

Senti il grido angoscioso

delle folle che anelano a Te:

vedi i popoli che vengono a Te, o Signore.

A Te appartengono, sono la tua conquista,

o Gesù, mio Dio e mio Amore!

Related Posts

Latest Stories

Cristo Re (Crocefisso)

Evangelizzazione-in-musica? Con la christian music… si può fare!

Sconfiggere la povertà

100 anni di gioventù!

A casa, ma in cammino!

PRESENTE!

Search stories by typing keyword and hit enter to begin searching.