All posts by

Alberto Zorzetto

La fotografia rappresenta il Monte della Quarantena (Deserto della Giudea), dove, secondo la tradizione, Gesù passò i 40 giorni di digiuno. [Wikipedia in italiano] Ogni anno, la quaresima si apre con il racconto di Gesù che si ritira nel deserto per quaranta giorni di digiuno e di battaglia contro le tentazioni di Satana. Forse noi uomini e donne del terzo millennio fatichiamo a comprenderlo, ma per un antico, specie se giudeo, questi versetti del Vangelo dovevano sembrare epici come i racconto dei grandi eroi mitici del passato. Gesù parte, spinto

E anche questa volta ci siamo, è iniziato quel periodo dell’anno in cui la natura si risveglia e il mondo si prepara per accogliere la luce e la gioia della bella stagione ormai vicina. È tempo di pulizia e preparazione dei terreni, di semina e di attesa fiduciosa del rinnovamento della vita. È tempo di duro lavoro e di fatiche che gettino le basi per il tempo del raccolto. In una parola, è tempo di Quaresima. Eh già, chi avrebbe mai detto che questo tempo dell’anno liturgico potesse assumere tratti

Non so se la Madonna, apparendo a Lourdes, avesse messo in conto che quell’evento, a distanza di più di un secolo, sarebbe stato legato alla Giornata mondiale del malato. Di certo, non sembra una prospettiva molto allegra. Non so, qualcosa come la Giornata mondiale delle guarigioni miracolose o dell’acqua prodigiosa farebbe tutto un altro effetto. Caro Giovanni Paolo II, come ti è venuto in mente di unire un’apparizione mariana con un tema così triste e difficile da digerire come quello della malattia? E poi, era proprio il caso di istituire

è il nuovo dono del Pontefice ai senzatetto, insieme ad altri servizi già attivati, come le docce o il barbiere L’Elemosineria apostolica apre un nuovo ambulatorio medico-sanitario sotto il colonnato del Bernini in piazza San Pietro, che sostituisce quello di San Martino funzionante dal febbraio del 2016 e dismesso recentemente per questione di spazi che sono divenuti insufficienti ad accogliere il numero sempre maggiore di persone che chiedono aiuto. «Ambulatorio – Madre di Misericordia» recita la targa all’ingresso.  I lavori, conclusi in questi giorni, sono stati progettati, guidati e realizzati

Ma cosa aspettiamo in Avvento? Le città si riempiono di luci, le vetrine mettono in mostra decorazioni di ogni tipo, alberi addobbati, magari qualche presepe. In certi casi, si possono anche vedere le vie della città imbiancate dalla neve… È ufficiale, l’Avvento è iniziato. Parola strana ma che fa parte del bagaglio culturale di tutti noi. Ce lo ripetono da quando abbiamo iniziato catechismo: l’Avvento è quel momento dell’anno in cui la Chiesa aspetta l’arrivo di Gesù, cioè il Natale. Semplice no? Ehm… ni. Adesso non venire a raccontare storie,

Facciamo un piccolo gioco: provate a digitare su Google Litanie dei Santie aprite il primo risultato. Dovreste avere davanti a voi una preghiera che la Chiesa adopera in particolari occasioni per chiedere l’aiuto dei santi. Praticamente è una sorta di chiamata alle armi di tutti i pezzi grossi del Paradiso a cui si ricorre quando c’è bisogno di mettere in campo più potenza di fuoco – spirituale –  possibile. Ora provate a contare i nomi di tutti i santi elencati… Dite la verità: non l’avete fatto. Un po’ perché speravate

Riflessioni sul Sinodo: occasione per cambiare ciò che separa la Chiesa dai giovani Francesco: la speranza ci interpella, ci smuove e rompe il conformismo del “si è sempre fatto così” Il Papa ha esortato a “rovesciare le situazioni di precarietà, di esclusione e di violenza, alle quali sono esposti i nostri ragazzi. I giovani ci chiamano a farci carico insieme a loro del presente con maggior impegno e a lottare contro ciò che in ogni modo impedisce alla loro vita di svilupparsi con dignità. Esigono una dedizione creativa, una dinamica intelligente, entusiasta

Finalmente è iniziato il Sinodo dei vescovi per i giovani! Dopo mesi di preparazione, il 3 ottobre Papa Francesco ha dato inizio ai lavori: c’è chi spera in un rinnovamento, chi teme che non si concluda nulla, chi vede nel Sinodo un’occasione, chi un rischio da evitare, chi si aspetta più giovani in chiesa, chi meno, chi più anziani, cani, gatti, marziani… Insomma, all’interno della Chiesa – e non solo – gli occhi di molti sono puntati verso questo evento. Per evitare di rimanere invischiati in tanti discorsi inconcludenti, ma soprattutto per essere almeno consapevoli di

Ultima tappa per il Pontefice nei paesi Baltici. «I ragazzi sentono la presenza della Chiesa come fastidiosa e perfino irritante. E questo è vero! Li indignano gli scandali di fronte ai quali non vedono una condanna netta». Il prossimo sinodo avrà anche lo scopo di affrontare questi temi e proporre un cambiamento. Il Papa a Tallinn Il Pontefice esordisce nel suo discorso del 24 settembre in Estonia con parole pesanti e chiare: «Sappiamo – come ci avete detto – che molti giovani non ci chiedono nulla perché non ci ritengono

1 2 3 Page 3 of 3

Latest Stories

Search stories by typing keyword and hit enter to begin searching.