Posts in Tag

Scoprire la fede

Ormai anche i sassi se ne sono convinti: stiamo affrontando un momento epocale. Negli ultimi mesi un po’ tutti hanno cercato di anticipare e presentare la portata storica di ciò che stiamo vivendo. Abbiamo visto scene da film apocalittici, governi messi con le spalle al muro nel tentativo di salvare il salvabile, il coraggio e la meschinità di molti, il meglio e il peggio che l’umanità ha da offrire. In molti hanno tentato di offrire analisi e spiegazioni, psicologi, biologi, economisti, politici, preti, filosofi e improbabili guru, ognuno ha cercato

In comunità abbiamo finito di costruire il presepe e quest’anno ho imparato un’amara verità: l’attività del presepista amatoriale è sempre condizionata dall’infelice realtà di dover fare i conti con il materiale che si ha a disposizione. Immancabilmente, quando questo fattore si scontra con i progetti stratosferici di un presepe più bello dell’originale di Betlemme anno 4 a.C. (spero di non scandalizzare nessuno con questa data ma… è un’altra storia) ci si ritrova a doversi dolorosamente ridimensionare e adattare alle circostanze. Ed è stato così che il presepe di quest’anno è

Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo. Gesù, nel suo ultimo discorso pubblico Ottobre è il mese missionario. Il mese in cui le parrocchie e gli oratori organizzano, tra una processione e un torneo di calcio, astuti stratagemmi per chiedere un po’ di elemosina – in modo elegante, s’intende, ché non siamo mica degli accattoni…

Il mondo del web cattolico (sì, ne esiste uno) si sta riempiendo, in questo periodo di un buon numero di articoli e materiale circa il senso della vacanze per un cristiano. E dato che anche il nostro sito fa parte di questo vasto e un po’ pazzo mondo digitale, mi sembrava giusto che il MGO contribuisse con un pezzo a tema estate. Ecco a voi, dunque, le cinque regole d’oro delle vacanze del giovane orionino. Goditi le vacanze. Partiamo dalla base: il riposo è sacro. Non solo perché è necessario,

È sempre difficile trovare le parole giuste per parlare di ciò che, di per sé, sarebbe inesprimibile. Soprattutto se si cerca un modo nuovo per dirle. Questo è il grande dramma che avvolge quel breve ma immenso lasso di tempo che va dalla sera del Giovedì Santo a quella della Domenica di Pasqua. Come parlare di un Dio che ama così tanto le sue creature da mettersi al loro servizio come il più umile dei servi? Come parlare di quel grande mistero che rende un rito antropofago e cannibale il

Penso capiti a molti, almeno una volta, di avere la sensazione che tutto il mondo sia contro di te. Non quando sembra che tutto vada per il verso sbagliato, ma quando si ha l’impressione che tutto e tutti ci stiano accusando e si divertano a ricordarci e a rimarcare i nostri errori; momenti in cui ci si sente ingabbiati nel senso di colpa e di vergogna. Probabilmente, era questa la sensazione che provava la donna del Vangelo di domenica scorsa. Colta in flagrante, si è ritrova circondata da farisei e

È curioso come gli uomini abbiano la capacità di abituarsi a tutto, anche a sentirsi dire che Dio è misericordioso. Non so voi, ma per me è stato questo il rischio mentre ascoltavo il Vangelo di domenica scorsa, il rischio che sapesse di già sentito. E non importa che io stesso abbia fatto più volte sulla mia stessa pelle, nella mia stessa vita, l’esperienza di tornare umiliato dal Padre e di scoprire che era lì ad aspettarmi per potermi riabbracciare. No, c’è il rischio che mi abitui anche a questo,

Questa è l’ultima volta che ti perdono… Di solito, queste parole causano in colui a cui sono rivolte uno strano mix di emozioni, o almeno così capita a me: si parte da un’iniziale sospiro di sollievo, consapevoli di averla scampata bella, quasi subito si instaura un certo senso di gratitudine verso chi ci da questa magnanima concessione, per poi passare al timore di perdere il vantaggio acquisito. Timore che, puntualmente, dura una manciata di giorni, nel migliore dei casi. Poi, salvo rari casi, si ritorna agli stessi comportamenti di prima

Dio ha messo nel mondo abbastanza luce per chi vuole credere, ma ha anche lasciato abbastanza ombre per chi non vuole credere – Blaise Pascal Sarà la primavera che inizia, sarà la stanchezza accumulata nei mesi passati o forse solo il caso che si diverte a farmi uno scherzo, ma per me, questo periodo dell’anno, fin dai tempi del Liceo, è sempre caratterizzato da un generale senso di stanchezza e di poca voglia di mettermi in moto, sia fisicamente che mentalmente. E anche la mia spiritualità ne risente: si appesantisce,

La fotografia rappresenta il Monte della Quarantena (Deserto della Giudea), dove, secondo la tradizione, Gesù passò i 40 giorni di digiuno. [Wikipedia in italiano] Ogni anno, la quaresima si apre con il racconto di Gesù che si ritira nel deserto per quaranta giorni di digiuno e di battaglia contro le tentazioni di Satana. Forse noi uomini e donne del terzo millennio fatichiamo a comprenderlo, ma per un antico, specie se giudeo, questi versetti del Vangelo dovevano sembrare epici come i racconto dei grandi eroi mitici del passato. Gesù parte, spinto

1 2 Page 1 of 2

Latest Stories

Search stories by typing keyword and hit enter to begin searching.

Enable Notifications.    Ok No thanks